NUOVO UTENTE
Con la creazione di un account

          Sarai in grado di:

   - Visualizzare dati riservati solo per te in area privata
   - Essere sempre aggiornati sulle nostre attività e servizi
 UTENTE REGISTRATO
Esegui il Login
 NomeUtente 
 Password 

      Recupero Password
REGISTRAZIONE
20-05-2022/14:52:00 Visitato: 118
Nuovo codice dello spettacolo, avanzamento del disegno di legge e nuove tutele

Il provvedimento legislativo, che ora passerà alla Camera, oltre a contenere le linee di indirizzo per un nuovo codice dello spettacolo da attuare con l'emanazione dei decreti delegati, reca disposizioni operative per il settore dello spettacolo: tante sono quindi le novità di interesse per l’intero settore.

Tra le varie, sono degne di nota:

1) la delega al Governo ad adottare, entro 9 mesi dall'entrata in vigore della stessa legge delega:

  • un testo unico denominato “codice dello spettacolo” per il riordino delle norme in materia di attività, organizzazione e gestione delle fondazioni lirico-sinfoniche nonché per la riforma, la revisione e il riassetto della vigente disciplina nei settori del teatro, della musica, della danza, degli spettacoli viaggianti, delle attività circensi, dei carnevali storici e delle rievocazioni storiche. La riforma dovrà conferire al settore un assetto più efficace, semplificare le procedure amministrative, ottimizzare la spesa, promuovere il riequilibrio di genere e migliorare la qualità artistico-culturale delle attività;
  • un decreto legislativo recante disposizioni in materia di contratti di lavoro nel settore dello spettacolo che riconosca:
  • la specificità del lavoro e del carattere strutturalmente discontinuo delle prestazioni lavorative nel settore dello spettacolo;
  • preveda un'indennità giornaliera in caso di obbligo per il lavoratore di assicurare la propria disponibilità su chiamata o di garantire una prestazione esclusiva;
  • stabilisca specifiche tutele normative ed economiche per i contratti di lavoro intermittente o di prestazione occasionale di lavoro nonchè per l'attività preparatoria e strumentale all'evento o all'esibizione artistica;
  • un decreto legislativo recante disposizioni in materia di equo compenso per i lavoratori autonomi dello spettacolo, ivi compresi gli agenti e i rappresentanti dello spettacolo dal vivo, che determini i parametri retributivi per la corresponsione di un compenso proporzionato alla quantità e alla qualità del lavoro svolto, al contenuto, alle caratteristiche e alla complessità della prestazione, stabilendo l'obbligo per le amministrazioni pubbliche di retribuire ogni prestazione di lavoro autonomo nello spettacolo derivante da bandi o procedure selettive;
  • un decreto legislativo per il riordino e la revisione degli ammortizzatori e delle indennità e per l'introduzione di un'indennità di discontinuità, quale indennità strutturale e permanente, in favore dei lavoratori discontinui. Il decreto legislativo dovrà: determinare i criteri di calcolo dell'indennità giornaliera; stabilire le incompatibilità con eventuali sostegni o indennità e assicurazioni già esistenti; individuare misure dirette a favorire percorsi di formazione e di aggiornamento per i percettori dei sostegni; determinare gli oneri contributivi a carico dei datori di lavoro e prevedere un contributo di solidarietà a carico dei soli lavoratori che percepiscono retribuzioni o compensi superiori al massimale contributivo per gli iscritti al Fondo pensione lavoratori dello spettacolo.

2) Viene istituto presso il Ministero della cultura il Registro nazionale dei lavoratori operanti nel settore dello spettacolo. È demandato ad un apposito decreto del Ministro della cultura, da adottare entro 120 giorni dalla data di entrata in vigore della legge delega, di concerto con il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, sentite la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano e le associazioni professionali dei lavoratori e degli operatori del settore, la definizione dei requisiti e delle modalità per l'iscrizione nel registro. Il registro è pubblicato nel sito internet istituzionale del Ministero della cultura.

3) Viene riconosciuta la professione di agente o rappresentante per lo spettacolo dal vivo e istituito, presso il Ministero della cultura, il relativo registro nazionale. I requisiti e le modalità per l'iscrizione nel registro sono definite con decreto da adottarsi entro 120 giorni dalla data di entrata in vigore della legge delega. Il registro è pubblicato nel sito internet istituzionale del Ministero della cultura. L'agente o rappresentante per lo spettacolo dal vivo, sulla base di un contratto scritto di procura con firma autenticata, rappresenta gli artisti, gli esecutori e gli interpreti, nei confronti di terzi, allo scopo di:  promuovere, trattare e definire i programmi, i luoghi e le date delle prestazioni e le relative clausole contrattuali;   sottoscrivere i contratti che regolano le prestazioni in nome e per conto del lavoratore di cui ha la rappresentanza in base a un mandato espresso;  prestare consulenza ai propri mandanti per gli adempimenti di legge, anche di natura previdenziale e assistenziale, relativi o conseguenti al contratto di prestazione artistica; ricevere le comunicazioni che riguardano le prestazioni artistiche dei propri mandanti e provvedere a quanto necessario alla gestione degli affari inerenti alla loro attività professionale;     organizzare la programmazione e la distribuzione di eventi nell'interesse del mandante o preponente. Si prevede l'incompatibilità dell'attività di agente con quella di direttore, direttore artistico, sovrintendente o consulente artistico, anche a titolo gratuito, di un ente destinatario di finanziamenti pubblici superiori a euro 100.000.

4) Viene istituito presso il Ministero della cultura un nuovo Osservatorio dello spettacolo al quale sono attribuiti anche compiti di coordinamento con le attività degli osservatori regionali dello spettacolo e la facoltà di stipulare convenzioni con le università per l'effettuazione di tirocini formativi curriculari rivolti a studenti iscritti a corsi di laurea o post-laurea. Si prevede che le regioni promuovano l'istituzione di osservatori regionali finalizzati anche a verificare l'efficacia dell'intervento pubblico nel territorio. L'Osservatorio nazionale e gli osservatori regionali dello spettacolo faranno parte del nuovo Sistema nazionale a rete degli osservatori dello spettacolo. Le modalità di coordinamento e operative saranno definite con decreto da adottarsi entro 120 giorni dall'entrata in vigore della legge delega.

5) L'INPS, entro 120 giorni dalla data di entrata in vigore della legge delega, tramite il proprio portale, attiverà specifici servizi di informazione e comunicazione in favore degli iscritti al Fondo pensione lavoratori dello spettacolo per agevolare l'accesso alle prestazioni e ai servizi telematici, inclusa la consultazione dell'estratto conto contributivo, anche con riferimento alle attività svolte all'estero. In particolare, tra i servizi di informazione e comunicazione, l'INPS attiverà un canale telematico denominato «Sportello unico per lo spettacolo » per semplificare l'accesso al certificato di agibilità.

6) È istituito presso il Ministero della cultura il Tavolo permanente per lo spettacolo che mira a favorire un dialogo fra gli operatori per individuare e risolvere questioni legate anche alle condizioni discontinue di lavoro e per le iniziative di sostegno connesse agli effetti economici della pandemia di COVID-19.

7) A decorrere dal 1° luglio 2022, l'importo massimo della retribuzione giornaliera riconosciuta a fini assistenziali (articolo 6, comma 15, del decreto-legge 30 dicembre 1987, n. 536, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 febbraio 1988, n. 48) per i lavoratori a termine (articolo 2, comma 1, lettere a) e b) del decreto legislativo 30 aprile 1997, n. 182,) è elevato a 120 euro.

8) Per favorire l'ingresso nel mondo del lavoro dei giovani diplomati presso istituti professionali, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano potranno promuovere l'attivazione di tirocini formativi e di orientamento, anche mediante la stipula di apposite convenzioni con gli operatori del settore della moda e dello spettacolo, in favore di giovani che abbiano conseguito il diploma di istruzione secondaria superiore presso gli istituti professionali con indirizzo "servizi culturali e spettacolo".

WebTv UGL Comunicazioni  
 POSTE ITALIANE 3
 730 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 1
 CCNL AZIENDALI 3
 LAVORO E GIURISPRUDENZA 0
 BUSTA PAGA 2022 2
 PENSIONI / T.F.R. 0
CAMPAGNA TESSERAMENTO UGL COMUNICAZIONI 2022
Created & Powered By APL Sistemi
© 2022 FNC-UGL COMUNICAZIONI All Rights Reserved
FNC-UGL COMUNICAZIONI - Via di Santa Croce in Gerusalemme, 97 Roma
   
INFO
FNC-UGL COMUNICAZIONI
Dove Siamo | RSS
CONTATTI
Telefono  +39 06 70476547
Fax  +39 06 70476547
E-Mail  info@uglcomunicazioni.it
TERMINI E CONDIZIONI
Informativa sulla Privacy
Avvertenze
Cookie policy
MENU'
    Web Tv
    News & Comunicati
    Eventi
    Agenda
    Documenti
    Link & Numeri Utili
    Questionari & Sondaggi
    Domande Frequenti