NUOVO UTENTE
Con la creazione di un account

          Sarai in grado di:

   - Visualizzare dati riservati solo per te in area privata
   - Essere sempre aggiornati sulle nostre attività e servizi
 UTENTE REGISTRATO
Esegui il Login
 NomeUtente 
 Password 

      Recupero Password
REGISTRAZIONE
08-04-2022/12:37:00 Visitato: 70
Altri impieghi negati dal datore se c’è conflitto di interessi

Stop al secondo lavoro se in «conflitto d'interessi» con l'attività dell'azienda. In tal caso, infatti, anche se non c'è violazione del dovere di fedeltà, il datore di lavoro può vietare o solo limitare ai propri dipendenti di svolgere l'ulteriore rapporto di lavoro. Idem quando c'è pregiudizio per la salute e sicurezza per il lavoratore. A stabilirlo, tra l'altro, è la bozza di dlgs di attuazione della direttiva UE 2019/1152, trasmessa dal governo alla camera per i prescritti pareri

La novità è contenuta nell'art. 8, recante norme sul «cumulo di impieghi». In via di principio, si riconosce ai lavoratori il diritto a svolgere altri lavori, a patto che l'ulteriore occupazione, come accade oggi, non violi l'obbligo di fedeltà stabilito dall'art. 2105 del codice civile. In particolare si stabilisce che il datore di lavoro non può vietare al lavoratore lo svolgimento di altra attività lavorativa in orario al di fuori della «programmazione dell'attività lavorativa» concordata; e non può riservare al lavoratore un trattamento inferiore perché svolge un altro lavoro.

Il diritto interessa solamente i lavoratori subordinati (c.d. dipendenti). Per gli altri lavoratori (non subordinati, ad eccezione delle co.co.co. alle quali si applica la stessa disciplina del lavoro dipendente), il diritto è naturalmente presente.

Il nuovo diritto riconosciuto ai lavoratori dipendenti, però, non è assoluto: il datore di lavoro, infatti, ha facoltà di modificarlo. In specifici casi «può» (è una facoltà, non obbligo) «limitare o negare» lo svolgimento di altro e diverso «rapporto di lavoro». Con la nuova facoltà, pertanto, il datore di lavoro può agire in due modi: limitando o negando il secondo lavoro al dipendente in forza. Poiché la limitazione/divieto riguarda i «rapporti di lavoro», la facoltà è esercitabile in relazione a tutti i tipi di contratti di lavoro subordinato, di tutte le co.co.co., delle prestazioni occasionali, del lavoro domestico e di quello marittimo e pesca. I tre casi in cui il datore di lavoro può esercitare questa sua nuova facoltà sono indicati in tabella.

La facoltà riconosciuta ai datori di lavoro è una vera novità, perché va oltre l'ambito (vigente) del dovere di fedeltà di cui all'art. 2105 del codice civile. Dei tre casi, il più «nuovo» è quello del «conflitto d'interessi», del quale il provvedimento non reca definizione. Seguendo le direttive Anac (l'Authority anticorruzione) può ritenersi che ricorra quando il nuovo lavoro comporti, anche potenzialmente, interessi in contrasto con quelli del datore di lavoro, di qualunque tipo: di natura finanziaria, economica o per particolari legami di parentela, affinità, convivenza o frequentazione abituale.

La nuova facoltà è riconosciuta soltanto ai «datori di lavoro». Pertanto, è esercitabile soltanto a carico dei lavoratori dipendenti, cioè titolari di un rapporto di lavoro di tipo subordinato. Per espressa previsione dell'art. 8 sono esclusi i lavoratori marittimi e quelli del settore pesca. Per l'altro verso, però, la limitazione esercitabile dal datore di lavoro può riguardare qualsiasi tipo di occupazione: non solo un nuovo rapporto di lavoro dipendente, ma anche un lavoretto (con la prestazioni occasionali) o una co.co.co. o un lavoro domestico.

WebTv UGL Comunicazioni  
 POSTE ITALIANE 3
 730 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 1
 CCNL AZIENDALI 3
 LAVORO E GIURISPRUDENZA 0
 BUSTA PAGA 2022 2
 PENSIONI / T.F.R. 0
CAMPAGNA TESSERAMENTO UGL COMUNICAZIONI 2022
Created & Powered By APL Sistemi
© 2022 FNC-UGL COMUNICAZIONI All Rights Reserved
FNC-UGL COMUNICAZIONI - Via di Santa Croce in Gerusalemme, 97 Roma
   
INFO
FNC-UGL COMUNICAZIONI
Dove Siamo | RSS
CONTATTI
Telefono  +39 06 70476547
Fax  +39 06 70476547
E-Mail  info@uglcomunicazioni.it
TERMINI E CONDIZIONI
Informativa sulla Privacy
Avvertenze
Cookie policy
MENU'
    Web Tv
    News & Comunicati
    Eventi
    Agenda
    Documenti
    Link & Numeri Utili
    Questionari & Sondaggi
    Domande Frequenti