NUOVO UTENTE
Con la creazione di un account

          Sarai in grado di:

   - Visualizzare dati riservati solo per te in area privata
   - Essere sempre aggiornati sulle nostre attività e servizi
 UTENTE REGISTRATO
Esegui il Login
 NomeUtente 
 Password 

      Recupero Password
REGISTRAZIONE
05-12-2017/18:10:00 Visitato: 585
Cassazione, sì al congedo per chi assiste un disabile di notte

Il lavoratore che usufruisce di un congedo retribuito per prendersi cura di un familiare disabile ha diritto a riposarsi e non compie nessuna irregolarità se concentra la sua assistenza nelle ore notturne e poi di giorno si fa aiutare da altre persone.  
A dirlo è una sentenza con cui la Cassazione ha accolto il ricorso di un metalmeccanico licenziato. L'azienda aveva infatti scoperto che l'operaio, in congedo per due anni, stava con sua madre solo di notte mentre di giorno tornava a casa sua. Ora l'operaio sarà reintegrato perchè chi assiste ha diritto a "spazi temporali adeguati alle personali esigenze di vita e di riposo". 
Il metalmeccanico durante indagini fatte eseguire dal datore di lavoro, era stato visto per diversi giorni presso la sua abitazione e non a casa della madre disabile grave, dove aveva spostato la residenza per assisterla durante il periodo di congedo (2 anni) dal lavoro. Il dipendente si era difeso sottolineando di aver prestato alla madre un'assistenza notturna, dato che la donna aveva manifestato "tendenza alla fuga, insonnia notturna e tratti di ipersonnia diurna" per cui vi era stata la necessità per il figlio di restare sveglio tutta la notte per evitare "possibili fughe" che già in passato si erano verificate.  
La società datrice di lavoro aveva però emesso un provvedimento di licenziamento disciplinare a suo carico evidenziando invece che "l'assistenza, per essere adeguata" a quanto previsto dalla legge sul congedo "avrebbe dovuto essere prestata in via principale e privilegiata" dal dipendente "e solo in via residuale da altre persone".  
Così gli 'ermellini' - con una sentenza che tiene presente i problemi creati da malattia degenerative come l'Alzheimer - hanno risposto alle obiezioni della fabbrica e che insisteva per licenziare in tronco il dipendente sostenendo che "durante le giornate oggetto di accertamento investigativo si era dedicato ad attività di proprio personale interesse e non risultava aver assistito la madre disabile".

Il lavoratore era stato infatti spiato dai detective nel giugno 2013 nella sua abitazione,nella cittadina dove viveva la madre malata e dove lui aveva spostato la residenza per usufruire della legge 151 del 2001 sui congedi parentali.

WebTv UGL Comunicazioni  
 CCNL AZIENDALI 2
 LAVORO E GIURISPRUDENZA 0
 PENSIONI / T.F.R. 0
 BUSTA PAGA 0
CAMPAGNA TESSERAMENTO UGL COMUNICAZIONI 2019
Created & Powered By APL Sistemi
© 2019 UGL COMUNICAZIONI All Rights Reserved
UGL COMUNICAZIONI - Via di Santa Croce in Gerusalemme, 97 Roma
   
INFO
UGL COMUNICAZIONI
Dove Siamo | RSS
CONTATTI
Telefono  +39 06 70476547
Fax  +39 06 70476547
E-Mail  info@uglcomunicazioni.it
TERMINI E CONDIZIONI
Informativa sulla Privacy
Avvertenze
Cookie policy
MENU'
    Web Tv
    News & Comunicati
    Eventi
    Agenda
    Documenti
    Link & Numeri Utili
    Questionari & Sondaggi
    Domande Frequenti